Le vie di Gesù Cristo

 

Tavola: un atteggiamento cristiano - "Nel mondo, ma non "fuori dal mondo*", una "terza via".

Chi – prendendo Gesù come unità di misura e come aiuto – cerca di realizzare dei progressi nei confronti della propria imperfezione e di concentrarsi sulle caratteristiche più promettenti per il futuro (cfr. le pagine "...Guarigione" e "...Etica"), deve cercare innanzitutto di
- trattare se stesso con maggiore veridicità anziché proiettare tutto sugli altri (cfr. Matteo 5,3);
- stare dalla parte degli stimoli che provengono dalla coscienza, anziché rimuoverli (cfr. Matteo 5,5 e 5,9 ...);
- accorgersi che in conformità all’anima si è qui anche per gli altri, anziché per il proprio bene materiale (cfr. Matteo 5,7);
- curare la ricerca vivace dello spirito di Dio anziché intorpidirsi, irrigidirsi nelle forme esteriori (cfr. Matteo 6,5-8... e Giovanni 4,21-24);
- sforzarsi di essere e non di apparire (cfr. Matteo 5,8);
- avere il coraggio di vivere in base alle nuove conoscenze, anche se queste ultime in questo mondo non valgono più molto (cfr. Matteo 5,15);
- nonostante le nuove conoscenze, vedere se stessi in un ruolo modesto e servile, anziché darsi delle arie (cfr. Matteo 5,19 e Luca 9,48)...

Chi attraverso un tale orientamento più amorevole e più saggio non pone più ostacoli a se stesso, troverà che il cristianesimo non è solo una maniera di vivere, ma piuttosto una vera via spirituale. In questo modo Gesù potrà essere percepito anche come una bussola che permette un nuovo equilibro al di là dei percorsi fuorvianti e delle cattive strade: 

Non aprirsi troppo all’esterno →

Essere attivi esteriormente →

- né essere sospesi interiormente

- ed essere interiormente stabili

Anziché limitarsi a pensare →

    Osservare i contenuti, i problemi, la mancanza di chiarezza →

- o dedicarsi al semplice vuoto meditativo

- in silenzio meditativo cosciente

Percepire il Dio "esteriore in cielo"

- e lasciargli prendere forma interiormente

Riconoscere le tracce del creatore immutabile

- nella propria vita in cambiamento (libera)

Studiare le legittimità nel mondo esteriore

- e percepire l’ordine della creazione in esso nascosto /che sta dietro

Non dare libero sfogo ai propri istinti, →

ma integrarli →

- ma non rimuoverli

    - e cambiare

cercare il tempo, lo spazio, le circostanze

- ma essere lo stesso personalmente liberi 

Lavorare esteriormente

- e pregare interiormente (la regola benedettina "ora et labora")

Volere capire il contributo positivo di altri (tolleranza attiva)

- e svilupparsi partendo dalla propria base di fede

Utilizzare le parti del cervello razionali-analitiche e i ponti

- e anche le parti del cervello "mitiche" e sintetiche e i ponti intermediari

Conoscere la percezione soggettiva

- e cercare però la verità dietro al modo di guardare soggettivo

Imparare dalla tradizione (costruttiva)

- e risvegliare (lasciarsi risvegliare) alla propria vita spirituale

Fare esercizi preparatori

- e sperare nella misericordia (mistica cristiana, esercizi spirituali, ...)

Rivolgersi direttamente a Dio

- e alla sua forza

Amare i prossimi

- come sé stessi

Conservare la ragione

- e guardare oltre

Non dissolversi nell’universo

Ma essere nel tutto

- ma neanche indurire il proprio Ego

- una cellula consapevole

Rispettare il corpo e la materia in quanto strumenti

- e crescere spiritualmente e psicologicamente

Accettare la pienezza e la responsabilità

- in base al principio della "porta stretta"

Lottare per le decisioni giuste nella coscienza terrestre

- e presentire su un altro livello il piano divino

Trasmettere agli altri le proprie conoscenze

- e prepararsi a ciò che è giusto

Cambiare socialmente nel proprio ambiente circostante

- ciò che è migliorato interiormente

Partecipare al dolore del mondo

- ed essere contenti della guida divina

Far parte di comunità spirituali

- e aspirare a Dio innanzitutto in quanto persona singola

Rispettare la pluralità dei popoli

- e lasciar crescere il nucleo umano generale presente in tutti

...così la via di Cristo si mostra come terza via al di là delle contraddizioni apparenti del mondo – una via che conduce alla pienezza di vita e alla vera libertà spirituale in Dio. Vedi a questo proposito anche i passaggi in grassetto del testo principale e per esempio Giovanni 17, e „ I vangeli apocrifi di Naq Hammadi": il vangelo di Tommaso 22. Chi riesce a stare in equilibrio sul „filo del rasoio" della vita, può approfondire con maggiore profitto gli ulteriori passi di Gesù nei Vangeli, per esempio la storia della passione e gli Atti degli apostoli (Pentecoste). Essi rappresentano sia il punto di partenza sia il punto di arrivo di questo percorso stretto. (V. il nostro testo principale, Parte 1).

C’è una relazione tra ciò che si trova nei Vangeli e ciò che in dimensioni maggiori viene espresso nella rivelazione di Giovanni (Apocalisse), v. il nostro testo principale, Parte 2.

Update english/ deutsch

Torna alla pagina iniziale http://www.ways-of-christ.com/it

Le vie di Gesù Cristo, i suoi contributi alla coscienza umana e ai cambiamenti dell’umanità e della terra: una pagina informativa indipendente che contiene punti di vista provenienti da diversi campi di ricerca e consigli pratici per il proprio sviluppo personale